Ecco perché l’Europa vuole scaricare solo sull’Italia i migranti delle ong

di Mauro Indelicato

Il Giornale, 6 Luglio 2019

In Italia sono più coloro che vengono ricollocati nel nostro paese da altri paesi Ue che i migranti che sbarcano lungo le nostre coste: effetti del trattato di Dublino, le cui regole sarebbero scomode per il resto d’Europa in caso di sbarchi in porti diversi da quelli italiani

C’è un dato, ripreso nei giorni scorsi da IlSole24Ore e confermato da fonti del Viminale, che spiega in parte l’attuale polemica sui migranti tra Italia ed Europa.

Si tratta del numero dei cosiddetti “dublinanti”, i migranti cioè che dai paesi dell’Ue in cui risultano domiciliati vengono rispediti in Italia od in altri Stati di primo approdo per via delle regole del trattato di Dublino. Un accordo, quello firmato nel 1990 presso la capitale irlandese, che dà la massima responsabilità dell’accoglienza e della gestione della domanda d’asilo per l’appunto ai paesi di primo approdo.

Ebbene in questa prima parte del 2019 è vero che in Italia si assista ad una diminuzione degli sbarchi del 90%, ma in compenso il numero di coloro che dal resto dell’Ue vengono rispediti nel nostro paese supera di gran lunga quello di coloro che approdano lungo le nostre coste.

Dal primo gennaio 2019 all’8 maggio, in Italia sbarcano 857 migranti. Nello stesso arco temporale, solo dalla Germania vengono rispediti nel nostro paese 710 dublinanti. A questi occorre aggiungere poi i migranti rimandati indietro dall’Austria e dalla Francia, oltre che ad altri paesi dell’Ue. Un totale che supera le mille unità.

E qui si arriva quindi a quanto accade negli ultimi giorni: con le navi Ong tornate ad operare nel Mediterraneo dall’inizio della bella stagione, spesso il nostro governo invoca la solidarietà europea. A cominciare da quei paesi d’origine di alcune di queste Ong. Ad esempio, nel caso della Sea Watch, il ministro dell’interno Matteo Salvini chiede alla Germania ed ai Paesi Bassi di accogliere i migranti raccolti dalla nave. Questo perché l’Ong è tedesca ed il mezzo batte bandiera olandese.

Ma nessuno si fa avanti e lo stesso discorso vale per gli altri casi in cui sono Ong non italiane a portare, anche forzando i blocchi, i migranti all’interno del nostro paese.

La preoccupazione della Germania e degli altri governi, è quella di diventare di primo approdo e dunque di non poter poi spedire indietro i migranti: qualora realmente le Ong virano la propria rotta verso i paesi di origine, ovviamente l’applicazione del trattato di Dublino darebbe loro massima responsabilità su accoglienza e gestione delle domande d’asilo.

Per cui la pressione sul governo italiano di mantenere i porti aperti per tutte le Ong, molto forte dall’Europa e da Berlino soprattutto, può essere spiegata anche in base al criterio previsto dal trattato di Dublino. In tal modo sarebbe sempre e solo l’Italia a sobbarcarsi l’onere di gran parte del fenomeno migratorio.

Del resto nei giorni scorsi un articolo di Repubblica svela le modalità con le quali la Germania invia in Italia i dublinanti: sedati e forzati in molti casi, i migranti vengono caricati a bordo degli aerei e trasportati nel nostro paese.

Un “giochetto” sulla pelle e sulla vita di molti richiedenti asilo che, ovviamente, non si potrebbe applicare nel momento in cui le Ong sbarchino nei porti tedeschi, olandesi o di altri paesi dell’Ue.

Un modo quindi per scaricare all’Italia l’onere per intero, rivestendo con toni umanitari un escamotage volto a conservare l’attuale status quo. Da qui si spiega anche il motivo per il quale il trattato di Dublino, in questi 30 anni di vita, è stato rivisto poche volte e raramente ritoccato nei suoi tratti fondamentali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *