Ne tirano fuori un’altra: «Chi vota a destra è ignorante, troglodita, di classe subalterna»

di Giovanna Taormina

Secolo d’Italia, 28 Maggio 2019

La lezione non è bastata a zittirli. La Lega ha fatto il pieno di voti e la sinistra radical chic continua ad insultare gli elettori di destra. Non ha perso l’antico “vizietto” di bollare come ignorante, analfabeta, inferiore, razzista e fascista chi alle urne ha scelto di votare a destra.  Gianni Cuperlo, membro della direzione del Pd, ha dichiarato che la Lega è il primo partito in Sardegna, proprio nella regione dove un’ampia fetta di ragazzi non completa gli studi. Un modo chiaro per dire con supponenza che Salvini è stato votato da ignoranti. «Ci sono due Regioni – ha detto Cuperlo a L’aria che tira su La7– anzi una. Sì, mi colpisce l’Emilia, certo. Ma a me colpisce che oggi la Lega sia il primo partito in Sardegna dove il 33 per cento dei ragazzi tra i 14 ed i 18 anni che frequentano la secondaria non finirà gli studi…».

Gad Lerner insulta gli elettori “nemici”

E poi c’è il radical chic Gad Lerner. “Illuminata” l’analisi del conduttore televisivo all’indomani del boom del Carroccio. «L’Italia leghista è un rivolgimento profondo, sociale e culturale prima ancora che politico, come testimonia il voto nelle ex regioni rosse. Già in passato le classi subalterne si illusero di trovar tutela nella trincea della nazionalità. Non finì bene», scrive Lerner. Un odio nei confronti degli elettori di destra che viene allo scoperto. Solo qualche giorno fa, il conduttore de L’Approdo, nuovo programma che andrà in onda dal 3 giugno in seconda serata su Rai3, ha dichiarato: «Tra alcuni anni proveremo vergogna per il comportamento del nostro governo, per la denigrazione di chi pratica il soccorso in mare, per l’offesa recata a dei sofferenti trattati come se fossero dei furbi e ci chiederemo come sia stato possibile accettarlo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *