Dare voce ai moderati del centrodestra. Forza Italia si apre alle nuove generazioni e modifica lo Statuto del partito per ripartire dai territori

Serve una modifica dello Statuto per nuovi meccanismi elettivi. Anche con il ricorso alle primarie. Aprire il centrodestra alle liste civiche locali.  A colloquio con Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, Presidente della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari.

(lc) “In Forza Italia si apre una fase di rilancio con la volontà di partecipazione di tanta gente. Invece di subire passivamente una erosione del consenso, Berlusconi ha voluto – con generosità – aprire il partito, programmando un congresso, guardando alle  nuove generazioni. Lo ha fatto con la Carfagna e Toti in funzione di coordinamento provvisorio per organizzare questo evento. Speriamo che ne scaturisca il rilancio di un partito essenziale per il centrodestra. Realtà che ha bisogno non solo delle forze che oggi, come la Lega, sono in grande forma, ma anche di una formazione politica che ha una storia ed una tradizione come Forza Italia”.

La nuova stagione di FI sarà caratterizzata da Congressi, assemblee, coinvolgimento di elettori e parlamentari?

In particolare degli elettori. I parlamentari sono 170. Bisogna coinvolgere migliaia e migliaia di elettori, militanti, quadri del territorio. Bisogna pensare a meccanismi elettivi con una modifica dello Statuto del partito che il Consiglio nazionale, convocato nel mese di luglio, potrà apportare. Servono momenti di congressi, dai municipi al livello nazionale, che prevedano una partecipazione ampia anche con modalità di vere e proprie primarie. Quindi appuntamenti aperti anche ai cittadini: tutto questo lo valuteremo nelle riunioni chiamate a modificare e integrare lo statuto di Forza Italia.

Si pensa ad una realtà politica da collocare al centro della politica italiana ?

Sarà necessario dare voce e presenza ai moderati del centrodestra. Senza però rinunciare alle passioni, alla chiarezza, alla fierezza. Quindi passioni ma anche cervello, essenziale nel centrodestra. Oggi la Lega ha forza rilevante ma non può essere autosufficiente. E poi i nodi dell’economia, dell’impresa del lavoro non sono sciolti, anzi restano aggrovigliati con grande preoccupazione della comunità nazionale. Quindi serve un partito pensante. C’è bisogno che Forza Italia si rilanci non solo in modo forte ma anche in forme più idonee al momento politico di oggi.

Senatore Gasparri, la svolta di FI che centrodestra potrebbe ridisegnare…

Quello classico ma vicino ai problemi di oggi.  Con Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia ma anche con le esperienze civiche del territorio. Oggi ci sono problemi come quello dell’immigrazione che hanno conquistato spazio nell’agenda politica. Però resta il tema lavoro, quello più sentito dagli elettori, dai cittadini. Non bisogna mai trascurare il versante dell’economia, della vita concreta delle persone. Quindi sicurezza, lavoro, futuro. Ripeto, si tratta di declinarli con ricette adatte a questa fase.  Forza Italia ripensandosi, rilanciandosi, diventa un motore importante di questo convoglio del centrodestra.

Vede elezioni politiche nel breve termine ?

La logica mi fa pensare che debbano essere a breve, perché come fanno a stare insieme ignoranti della politica, come i grillini,  con la Lega che ha un programma simile a quello di Forza Italia, venendo dall’esperienza del centrodestra? E poi la situazione economica non mi pare tranquilla. La Lega oggi ha raggiunto un livello di consenso alto. Come i cicli di Renzi e dei Cinquestelle dimostrano, potrebbe però perdere il forte consenso che ha conseguito. Quindi le differenze nel governo e il consenso che la Lega potrebbe essere tentata di monetizzare, fanno immaginare un ricorso alle urne se non immediato, nel giro di mesi.

Senatore Gasparri, vede una sinistra in costante declino o in fase di riorganizzazione?

La sinistra è in declino in tutto il mondo. Il futuro non è la sinistra. Se poi la sinistra e i grillini si mettono insieme, lo possono fare: ma litigando e perdendo entrambi consensi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *