VERSO L’ISTITUZIONE DI UN LABORATORIO PER L’INCIDENZA SULLA CRESCITA DELL’OFFERTA INFRASTRUTTURALE

Altero Matteoli, sia da Ministro dell’Ambiente che da Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha sempre traguardato due precise finalità:
• motivare i processi di infrastrutturazione organica del Paese dimostrando in termini macro economici i benefici prodotti alla crescita ed allo sviluppo del Paese proprio grazie alla corretta realizzazione di opere, grazie alla mirata efficacia di un adeguamento della griglia infrastrutturale
• ritenere il sistema della offerta infrastrutturale del Paese una tessera del mosaico comunitario e come tale costruire, insieme agli altri Paesi della Unione Europea e al contorno della stessa, le condizioni per ottimizzare al massimo la offerta infrastrutturale sia in termini trasportistici, sia in termini di efficienza della qualità ambientale
Due finalità che Matteoli ha ribadito in ogni manifestazione sia all’interno del Governo e del Parlamento, sia nella serie di interventi nazionali ed internazionali; in realtà queste due distinte finalità sono state sempre il comune denominatore di ogni sua intuizione strategica.
L’Associazione, istituita pochi mesi fa, intende continuare questa convinta azione culturale attraverso il lavoro sistematico di un apposito laboratorio al cui interno saranno approfondite le due tematiche. Convinti della loro misurabile attualità, attraverso lo strumento del laboratorio si cercherà di costruire un riferimento critico alle evoluzioni ed alle involuzioni dei processi decisionali a scala nazionale e comunitaria che coinvolgeranno direttamente e indirettamente coloro che sono preposti alla gestione della cosa pubblica.
L’intento dell’Associazione attraverso i lavori del laboratorio è anche quello di offrire una occasione di dibattito laico ed estraneo da schieramenti precostituiti, un comportamento che Altero Matteoli aveva sperimentato, in modo particolare, nel suo ultimo mandato istituzionale quello di Presidente della Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni del Senato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *